Impegno cristiano

Questa sezione testimonia l’attività svolta da persone legate al cattolicesimo post-conciliare e al dissenso nella Chiesa negli anni ’70.

Franzoni nella basilica di San Paolo con il patriarca di Costantinopoli Atenagora I (1967)

Fondo Giovanni Franzoni e Fondo Comunità di San Paolo (anni ’60-’90, faldoni 50). Il Fondo Cdb di San Paolo di Roma è formato prevalentemente dalla documentazione relativa alle diverse attività svolte al suo interno, da corrispondenza e da articoli di giornale.
L’Archivio di Franzoni testimonia la sua attività di animatore della Comunità di San Paolo e del coordinamento nazionale delle comunità cristiane di base, le attività editoriali e per i diritti civili e sociali. È presente un ampio carteggio da ogni parte d’Italia e dall’estero (anni ’60-’80) e lettere pastorali. Completano il fondo molteplici fotografie di vita quotidiana e istituzionali.

Dossier sul “Caso Girardi”

Fondo Giulio Girardi (anni ’40-2003; buste 180). Il fondo riflette l’attività scientifica e politica di Girardi, relativamente ai temi del cristianesimo, socialismo e marxismo, alla pace e alla non violenza, alla bioetica, ai diritti dei popoli, al sottosviluppo, al razzismo, alla solidarietà. L’area geopolitica di riferimento è sostanzialmente quella dell’America latina e dell’Africa. Ampia parte delle carte è relativa all’area del dissenso ecclesiale, al dialogo tra cattolicesimo e socialismo, ai preti operai, al movimento dei Cps; particolare rilevanza è dedicata ai temi della Teoria della liberazione, all’Esercito zapatista di liberazione nazionale (Ezln), mentre i documenti più recenti riguardano la politica estera statunitense, i temi del terrorismo internazionale, la globalizzazione.

Fondo José Ramos Regidor (anni ’70-’90; 11 metri lineari). Il fondo comprende corrispondenza, documentazione preparatoria per scritti e interventi, fotografie, agende e carte prodotte e raccolte da Regidor nel corso della sua attività relativa all’ambito del vasto movimento teologico, politico ed ecclesiale passato alla storia come “Teologia della Liberazione” e degli studi interconfessionali sullo sviluppo umano e religioso; relativa alla collaborazione con «Com» (settimanale collegato all’esperienza della nascente CdB di San Paolo Fuori le Mura), con l’Idoc (Centro internazionale di Documentazione e Comunicazione) e con il movimento dei Cristiani per il socialismo.

Fondo Rete Radié Resch (13 faldoni; 1965-anni 2000). La Rete Radié Resch è un’associazione di solidarietà internazionale nata nel 1964 per iniziativa di Paul Gauthier e Ettore Masina; si occupa di solidarietà con i popoli oppressi e al centro della sua azione c’è la questione delle disuguaglianze tra il Nord e il Sud del mondo.
Il fondo è in gran parte costituito da corrispondenza di Ettore Masina, Paul Gauthier, compagnons de Jésus Charpentier con Carla Grandi e Ercole Ongaro e ai responsabili delle Reti; circolari mensili di Masina (1965-1994), atti dei convegni nazionali e notiziari curati dalla Rete. Ampio è il materiale proveniente dall’America Latina; completano il fondo una serie di opuscoli legati ai progetti attuati dalla Rete e documentazione prodotta dalle Reti locali.

A questo si aggiungono fondi di importanti esponenti della Rete:

Lettera dell’arcivescovo di Firenze a Ettore Masina

1) Il Fondo Ettore Masina (3 buste; anni ’50-2005) è costituito principalmente da corrispondenza e pubblicazioni su quotidiani e periodici; notevole è il carteggio con Paul Gauthier, Marie-Thérèse Lacaze e i Compagnons, Remigio Colombo et al.; una parte della corrispondenza riguarda il Tribunale Russel II. È presente la documentazione sull’Associazione Italia – Vietnam, interventi di Masina, rassegna stampa.

A destra Gauthier, “il prete operaio”

2) Il Fondo Paul Gauthier (2 buste; anni ’60-2000) è costituito dalla corrispondenza con Luigi Ricciarelli, Marie-Thérèse Lacaze e i Compagnons, Roger Brun, Raul Delpuech e Remigio Colombo. Ampio è il materiale riguardante le conferenze tenute da Gauthier in Italia negli anni 1964-1968. Al fondo si aggiungono articoli e interviste su Gauthier, i Compagnons, la Palestina, sulla presa di distanza di Gauthier dalla Chiesa, il diario di Lacaze per i Compagnons e quello sulla Guerra dei Sei giorni, ecc.

3) Il Fondo Remigio Colombo (2 buste; anni ’60-2007) è costituito principalmente da corrispondenza. Si aggiungono appunti per conferenze, sul I, II, III e IV Convegno nazionale della Rete Radié Resch (1965-1968) e su varie riunioni della stessa associazione. Sono inoltre presenti scritti di Colombo, carte sul centro di amicizia italo-giordana. Parte del fondo è composta da materiale successivo alla morte di Colombo, con lettere circolari (1974-1994) e notiziari (1986-2007) della RRR.

Fondo Fausto Maria Tortora (10 buste; anni ’60-anni ‘90). L’archivio contiene documentazione relativa all’attività del titolare in ambito sindacale e politico; ampia parte sulle Comunità cristiane di base e sulle ACLI – Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani. Chiudono il fondo articoli, saggi e interventi su pubblicazioni varie.

I fondi non sono ordinati; al momento non sono consultabili.

Share this...
Share on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this pagePin on Pinterest
""